Cos’è lo SPID e come si ottiene facilmente

dal web

Mentre in queste calde giornate mi chiedevo chi avesse ordinato ai giorni di luglieggiare?  è arrivata la circolare dell’Inps che intende mandare in pensione(😊) il caro codice Pin che finora ci ha consentito di accedere ai servizi telematici dell’ente e sostituirlo con l’identità SPID. Il passaggio sarà preceduto da una fase transitoria, che inizierà il 1° ottobre 2020. In questa guida ti spiegherò cos’è lo SPID, a cosa serve e come ottenerlo, e cercherò di darti delle “dritte” utili per richiederlo senza grandi problemi. Ti anticipo fin da ora che in molti casi è possibile ottenerlo gratuitamente, e la richiesta può essere fatta tramite pc munito di webcam, smartphone oppure recandoti presso gli sportelli delle Poste Italiane.

Lo Spid – Sistema Pubblico di Identità Digitale, è un sistema di autenticazione che permette di accedere ai servizi online della pubblica amministrazione ed è costituito da nome utente e password, per richiedere le credenziali SPID è necessario essere maggiorenni e rivolgersi a uno dei fornitori certificati: Poste Italiane, Infocert, Aruba, Namirial, Tim, Sielte ID, Intesa, Register, Lepida. Lo SPID ha tre livelli di sicurezza: Livello 1: permette l’accesso ai servizi con nome utente e password; il Livello 2: consente l’accesso ai servizi con nome utente e password insieme ad un codice temporaneo che ti viene inviato via sms o con app mobile dedicata; Livello 3: permette l’accesso ai servizi con nome utente e password e l’utilizzo di un dispositivo di accesso (al momento non ci sono servizi che richiedono questo livello). Per la richiesta c’è bisogno di un documento d’identità valido, della tessera sanitaria, di un numero di cellulare e di un indirizzo di posta elettronica. Ad oggi lo SPID consente di accedere ai servizi online dell’Agenzia delle Entrate, dell’Inps, al fascicolo sanitario elettronico, alla fatturazione elettronica, è indispensabile per richiedere il Bonus Vacanze, il Bonus Mobilità, per l’accesso ai servizi del Ministero del lavoro come CLIC LAVORO , si può utilizzare per l’iscrizione dei figli alle scuole primarie e secondarie, per la carta famiglia, per portare a termine la richiesta del bonus cultura 18App. Grazie allo SPID è possibile accedere a tutti i servizi della pubblica amministrazione sempre con le stesse credenziali.

Dall’inizio di ottobre non sarà più possibile fare richiesta del Pin INPS, per avere accesso ai servizi dell’Istituto. Il Pin Inps già in possesso degli utenti conserverà la sua validità fino alla conclusione della fase transitoria che ad oggi non è stata ancora indicata. Di fatto dal 1° ottobre verranno rilasciati nuovi Pin INPS solo per gli utenti che non possono avere accesso alle credenziali SPID, come ad esempio i minori di diciotto anni o i soggetti extracomunitari, e per i soli servizi loro dedicati.

Ecco perchè può essere consigliabile già da subito non perdere tempo ma indirizzarsi direttamente verso lo SPID, senza fare inutile allarmismo nei prossimi mesi potresti trovarti a dover fare una procedura burocratica e ad aver bisogno di inserire le credenziali SPID.

Siamo arrivati alla procedura da seguire per ottenere le credenziali SPID, qui trovi la lista completa dei Provider che rilasciano le credenziali con la specifica delle diverse modalità di registrazione (gratuita o a pagamento e i livelli di sicurezza che ogni provider garantisce), la scelta del gestore è puramente personale potrai scegliere in base alle tue esigenze il miglior gestore per te, io ho deciso di richiedere lo SPID presso Poste Italiane ti racconta la mia esperienza con le modalità che ho sperimentato.

Per la richiesta con documento elettronico (passaporto o carta d’identità) scarica l’App PosteId, fai clic sul pulsante Registrati, compila i campi di testo che ti vengono proposti, la procedura guidata è molto scupolosa e seguendo le indicazioni in un quarto d’ora circa avrai portato a temine la pre-registrazione, entro 5 giorni riceverai una mail di conferma dell’attivazione della tua identità digitale. Se invece vuoi rivolgerti allo sportello per l’identificazione de visu, hai bisogno di un documento valido, del codice fiscale, di un indirizzo mail e numero di cellulare, anche in questo caso la procedura è molto veloce. A seguito della registrazione riceverai a strettissimo giro una mail di benvenuto con un link per completare la registrazione. Fatto questo dovrai attendere la mail di attivazione delle tue credenziali. (il tutto per un tempo stimato di 4/5 ore).

La procedura da seguire varia leggermente da provider a provider, ma in linea di massima l’iter da seguire prevede la compilazione di un modulo online – all’interno del quale inserire i dati personali e i dati dei documenti di identità – e l’identificazione tramite Firma digitaleTessera Sanitaria abilitata come Carta Nazionale dei Servizicarta d’identità elettronica/passaporto elettronico oppure de visu, tramite webcam o di persona (a domicilio o recandosi in uffici specifici, a seconda dei casi). Poste Italiane offre anche un servizio a domicilio a pagamento per l’identificazione.

Non mi resta che augurarti buona IDENTITA’ DIGITALE, se hai trovato utile questo post condividilo ne sarò felice! ☺

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...